Titolo Banca Generali vola sostenuto da sorprendente raccolta netta di Maggio

Dopo un mese di Maggio da dimenticare, in cui le azioni della società attiva nel risparmio gestito hanno perso circa il 30% della propria capitalizzazione, il titolo Banca Generali si rimette in luce mettendo a segno un rialzo del 3,83% a quota 21,70 euro.

Gli acquisti sulle azioni del gruppo finanziario sono stati supportati dagli ottimi dati sulla raccolta netta di Maggio, che assestandosi a 603 milioni di euro ha evidenziato il miglior risultato dall’inizio dell’anno, facendo balzare il saldo dall’1 Gennaio 2018, a 2,7 miliardi ei euro. Un ottimo contributo è arrivato ancora una volta dalle masse sotto contratto di consulenza evoluta, che hanno portato in dote 195 milioni di euro, superando i 2,1 miliardi di euro da inizio anno.

I risultati ottenuti da Banca Generali hanno sorpreso il mercato andando oltre le più rosee aspettative degli analisti, specie nelle difficoltà dell’attuale contesto, caratterizzato da volatilità e negatività sui mercati finanziari. La società, ha spiegato l’amministratore delegato, Gian Maria Mossa, ha saputo andare incontro alle esigenze della clientela, alla ricerca di soluzioni prudenti per minimizzare i rischi, offrendo un’ampia gamma di prodotti, che hanno visto primeggiare la scelta di soluzioni assicurative. Confermata anche la capacità di Banca Generali di attrarre a sé nuovi clienti nei momenti di maggiore incertezza, quando la speculazione non guarda in faccia né i fondamentali di un paese come l’Italia che sta confermando una crescita stabile, né quelli delle imprese che continuano a sfornare utili in crescita.

Andamento azioni Banca Generali sul breve-medio periodo


L’ottima performance giornaliera del titolo Banca Generali avrà bisogno di una conferma anche nelle sedute successive, poiché il forte balzo in avanti fatto registrare nella sessione di Mercoledì 6 Giugno non è stato adeguatamente supportato dai volumi di scambio, in flessione di oltre il 30% rispetto alla seduta precedente.

I prezzi, dopo essere stati respinti già una prima volta dalla prima resistenza di brevissimo, si sono riportati nuovamente a contatto con la media mobile a 10 giorni (la linea di colore verde sul grafico con time-frame giornaliero, in alto). L’eventuale break-out di EMA 10, che al momento si colloca in area 21,85 euro, circa, potrebbe quindi allentare la pressione ribassista, concedendo ulteriore spazio di risalita fino all’ostacolo giornaliero successivo, individuato sulla media mobile a 25 giorni (la linea di colore rosso sul grafico), che passa in area 23,40 euro.

Quadro tecnico di breve-medio periodo che per riportarsi in positivo necessita di una chiusura daily o meglio ancora settimanale oltre area 24,85-25 euro, ovvero al di sopra della media mobile a 50 giorni (la linea di colore verde sul grafico). Superata EMA 50 si potrebbe assistere ad un rally con target sulla media mobile a 120 giorni, in area 27 euro.

Al ribasso, invece, pericoloso un eventuale ritorno sotto il supporto dinamico individuato in area 20,55-20,35 euro, poiché potrebbe innescare un primo affondo sul minimo di periodo toccato in area 19,61 euro e successivamente un ulteriore spirale verso un’area più profonda, a ridosso dei 19 euro.

Pattern di trading sul titolo generali (BGN.MI) valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading Long si attiva in caso di close orario oltre 21,85€ e consiglia di prendere i primi profitti in area 21,98 e 22,20 euro; stop loss in caso di discesa sotto 21,50€ in close orario. Mantenere o aumentare l’esposizione Long nel caso in cui gli acquisti si spingano oltre 22,20€ in chiusura oraria, per cercare di prendere profitto in un primo momento a 22,34€ e successivamente a 22,55€; stop loss in caso di ritorno sotto 21,85€ in close orario.

Lecito aprire nuove posizioni lunghe in caso di close orario o daily maggiore di 22,55€, per cercare di sfruttare ulteriori slanci in area 22,69 e 22,91 euro, estesa a 23,14 euro; stop loss in caso di ritorno sotto 22,20 in close orario o giornaliero. Ed ancora, Long sulla debolezza in caso di affondo a quota 20,14€, per sfruttare eventuali veloci rimbalzi, prima a 20,34 euro ed in seconda battuta a 20,54€, estesi a 20,81; stop loss in caso di ulteriori flessioni sotto 19,80€ in chiusura oraria o daily.

Il pattern di trading Short, invece, prende forma nel caso in cui si registri un close orario minore 21,50€ e pronostica i primi due target price in area 21,37 e 21,15 euro; stop loss in caso di ritorno oltre 21,85€ in chiusura oraria. Mantenere o aumentare le operazioni Short in caso discesa sotto 21,15€ in chiusura di candela oraria, per cercare di sfruttare ulteriori cali in un primo momento a 21,01€ e successivamente a 20,81€; stop loss in caso di ritorno sopra 21,50€ in close orario.

Lecito aprire nuove posizioni corte in caso di flessione sotto 20,81€ in close orario o giornaliero, con l’intento di ricoprirsi in area 20,54 e 20,34 euro, estesa a 20,14€ ;stoppare le operazioni in caso di recupero oltre 21,15€ in close orario o daily. Ed ancora, short speculativi in caso di estensioni rialziste in area 23,14€ ,per sfruttare eventuali correzioni in prima battuta 22,91€ ed in secondo luogo a 22,69€, estese a 22,55; stop loss in caso di ulteriori allunghi sopra 23,40€ in chiusura di candela oraria o giornaliera.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net