Tonfo titolo Boeing dopo sciagura aerea boeing 737 max in Etiopia

Maglia nera per le azioni Boeing sull’indice Dow Jones, giù del 5,33% a quota 400 dollari. A pesare come un macigno sull’andamento del titolo della compagnia aerospaziale di Chicago, la tragedia avvenuta sui cieli etiopi, dove un Boeing 737 Max 8 della compagnia Ethiopian Airlines si è schiantato al suolo poco dopo essersi levato in volo, causando la morte di tutte le 157 persone a bordo, inclusi 8 cittadini italiani.

Il mercato punito il titolo Boeing, in quanto un aereo dello stesso modello, della compagnia Lion Air, era già precipitato lo scorso Ottobre in Indonesia, costando la vita a tutti i 189 passeggeri e membri dell’equipaggio a bordo. Gli investitori temono che la compagnia statunitense possa avere delle colpe dirette per le due tragedie, a causa di un possibile malfunzionamento del velivolo o delle apparecchiature di bordo. Intanto molte compagnie aeree su richiesta dei rispettivi governi hanno deciso di lasciare a terra i loro Boeing 737 Max. Un brutto danno d’immagine per l’azienda statunitense, che in via precauzionale ha reso noto che al più presto provvederà ad aggiornare il software che gestisce l’“inviluppo di volo”, verso cui gli esperti hanno iniziato a muovere le prime accuse. Un team di tecnici di Boeing è già arrivato in Africa per scoprire cosa ha causato l’incidente.

Nonostante il pesante tonfo indicato tra le righe del paragrafo precedente, il titolo ha tuttavia reagito dalla debacle dei primi minuti di contrattazione in cui le quotazioni perdevano oltre 13 punti percentuali, crollando su un minimo intraday a quota 365,55 dollari.

Andamento azioni Boeing sul breve-medio periodo


Il forte calo giornaliero ha condotto le quotazioni del titolo Boeing sui valori della fine dello scorso Gennaio. La discesa del titolo è stata accompagnata da un aumento eccezionale del volume di scambio, in crescita del 547% rispetto a quello registrato nel corso della precedente.

Considerato il gran recupero dal minimo intraday segnalato in precedenza, il 10% circa, è ovvio che non si è trattato soltanto di volumi di vendita. Una buona parte degli scambi sarà stata sicuramente movimentata anche dagli acquisti di coloro che hanno approfittato del crollo iniziale per arrotondare il proprio portafoglio su un titolo guida del Dow Jones o per effettuare operazioni di trading mordi e fuggi sfruttando i continui su e giù che hanno caratterizzato tutta la seduta.

Sotto l’aspetto tecnico, il titolo è scivolato al di sotto dei due supporti di breve rappresentati dalle medie mobili a 10 e 25 giorni (rispettivamente la linea di colore azzurro e la linea rossa sul grafico con time-frame giornaliero, in alto). Le quotazioni erano inoltre scese anche al di sotto del sostegno di breve-medio periodo che si colloca sulla media mobile a 50 giorni (la linea di colore verde sul grafico), che al momento passa in area 392 dollari. La perdita di EMA 10, in chiusura daily o peggio ancora settimanale potrebbe pertanto causare ulteriori flessioni con target sui recenti minimi in area 365 dollari, con possibili estensioni verso area 355 dollari.

La dinamica ribassista di brevissimo potrebbe attenuarsi in caso di recupero oltre EMA 25, che passa in area 412 dollari; mentre il sentiment potrebbe ritornare rialzista in caso di ritorno oltre EMA 10, che invece passa in area 421 dollari.

Pattern di trading sul titolo Boeing (BA) valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading rialzista prende forma in caso di ritorno oltre 403,60€ in chiusura oraria e prevede i primi due target price in area 407,60 e 410,15 euro; stop loss in caso di discesa sotto 397€ in close orario. Mantenere o incrementare le posizioni rialziste in caso di allungo oltre 410,15€ in chiusura di candela oraria, per cercare di prendere profitto prima 412,65€ e successivamente a 416,80€; stoppare le operazioni in caso di chiusura oraria minore di 402,65€.

Lecito insistere con nuove operazioni Long nel caso in cui si registri un close orario maggiore di 416,80€ per approfittare di eventuali rialzi in area 419,40 e 423,55 euro, estesa a 427,50€; stop loss in caso di ritorno sotto 410,15 in chiusura oraria. Suggeriti acquisti sulla debolezza in caso di affondo in area 372,15€ per sfruttare possibili rimbalzi a quota 376,95 e 379,65€, estesi a 383,15; stop loss in caso di ulteriori cali sotto 366,40€ in close orario o daily.

Il pattern di trading ribassista, invece, si attiva in caso di close orario minore di 397€ e pronostica i primi due obiettivi in area 393,05 e 389,40 euro; stop loss in caso di recupero oltre 403,60€ in chiusura oraria. Mantenere o sovrappesare le posizioni corte in caso di discesa sotto 389,40€ in chiusura di candela oraria, per cercare di ricoprirsi prima a 387€ e successivamente a 383,15€; stop loss in caso di ritorno oltre 393,05€ in close orario.

Insistere con lo Short nel caso in cui la pressione al ribasso dovesse spingersi sotto 383,15€ in close orario o giornaliero, per approfittare di possibili cali in area 379,65 e 376,95 euro, estesi a 372,15€; stop loss in caso di ritorno sopra 389,40€ in chiusura oraria. Suggeriti Short speculativi in caso di estensioni al rialzo in area 427,50€, in ottica di pull-back a quota 423,55€ e 419,40€, estesi a 415,20€; stop loss in caso di ulteriori allunghi oltre 434,40€ in chiusura oraria o di giornata.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net