Conto BancoPosta Più : opinioni e funzionamento

Avete intenzione di aprire un conto corrente per gestire il vostro denaro, accreditare lo stipendio e domiciliare le bollette? La vostra Banca continua ad aumentare il canone mensile, il costo delle operazioni ed è aperta solo nelle ore in cui anche voi siete al lavoro?

Forse la soluzione al vostro problema potrebbe essere un conto alla Posta e, più nello specifico, il conto BancoPosta Più.

Evoluzione del conto BancoPosta

Attualmente il conto BancoPosta Più è l’unico conto corrente che possa essere sottoscritto negli uffici postali. Dopo anni di successo, infatti, sia il conto BancoPosta, capostipite dei prodotti finanziari alle poste, che il BancoPosta Click non possono essere più sottoscritti, anche se rimangono validi per tutti quegli utenti che hanno aperto questi prodotti negli anni passati.

Al loro posto è subentrato il conto BancoPosta Più, appunto, come evoluzione di questi due conti correnti, che hanno riscosso un’enorme successo negli ultimi 15 anni e che hanno permesso a Poste Italiane di affiancare banche rinomate, come Intesa San Paolo, MPS, BNL e Unicredit.

Il BancoPosta Più si è da poco affacciato sul mercato ma, vista l’affidabilità del gruppo Poste Italiane, e data la fitta rete di uffici postali presenti su tutto il territorio nazionale (ben 13.500, aperti anche il sabato mattina), c’è da scommettere che in breve tempo conquisterà una buona fetta di mercato.

Conto BancoPosta Più: le caratteristiche

Come dicevamo poco fa, dato che si tratta di una evoluzione e modernizzazione del Conto BancoPosta, tale conto corrente presenta delle spese del tutto simili al suo predecessore.

Si tratta di un conto corrente molto semplice da utilizzare e dinamico, pensato per i privati e per le famiglie che vogliono gestire al meglio le spese mensili.

A differenza dei conti bancari, i cui costi mensili tendono ad aumentare, fino a sfiorare additurra la doppia cifra, il conto Banco Posta Più parte, di default, con una spesa mensile di 4 € che, come vedremo più avanti, può essere facilmente azzerato.

A fronte di questo canone mensile di 4 euro, il conto BancoPosta Più offre:

  • Carta Postamat Maestro utilizzabile, senza alcuna spesa aggiuntiva, per prelevare il denaro negli oltre 7.200 sportelli Postamat presenti in tutta Italia;
  • Estratto conto trimenstrale cartaceo gratuito o estratto conto mensile online gratuito;
  • Un servizio gratuito di home banking (BancoPosta online) e di phone banking (Pronto BancoPosta), per accedere al conto corrente e realizzare le operazioni anche con internet o via telefonica;
  • Regostrazioni in conto illimitate relative sia alle operazioni effettuate allo sportello degli uffici postali, sia attraverso gli altri canali offerti, come internet e telefono.

Come azzerare il canone mensile del conto

Come dicevamo in precedenza, l’impostazione di base del conto BancoPosta Più è di un canone mensile di 4 €. Questo costo può però essere facilmente abbattutto mediante l’utilizzo di alcuni die prodotti che andremo ad elencarvi. Non sottovalutate questo aspetto perché, in questo modo, avrete un conto corrente completamente a spese zero!

Affinché il canone del conto corrente si azzeri è necessario prima di tutto che il titolare accrediti sul conto il suo stipendio / pensione.

Poste Italiane, però, ha aggiunto un’ulteriore possibilità, per venire incontro a tutti quei giovani che un lavoro stabile con regolare busta paga ancora non ce l’hanno … è possibile, infatti, in mancanza dell’accredito di uno stipendio o della pensione, azzerare il canone di 4 € ricevendo un bonifico al mese dell’importo minimo di almeno 700 €.

Alla condizione dell’accredito dello stipendio o, in alternativa, al bonifico mensile di 700 euro in entrata, è necessario sommare almeno 2 prodotti finanziari di Poste Italiane, a scelta tra:

  • Domiciliazione bollette mediante SEPA direct debit core;
  • Secondo accredito di stipendio o pensione;
  • Aggiungendo una carta di credito a scelta tra BancoPosta classica, BancoPosta Più e BancoPosta Oro;
  • Telepass familiy BancoPosta;
  • Polizza assicurativa Poste Vita;
  • Polizza assicurativa Postaprotezione;
  • Piano di Risparmio Risparmiodisicuro (PdR);
  • Mutuo BancoPosta;
  • Obbligazioni Poste Italiane S.p.A.;
  • Fondi Bancoposta, anche detti PAC, o piani di accumulo del capitale;
  • Ricarica ricorrente della scheda Poste Mobile.

Come aprire un conto BancoPosta Più

Se si è intenzionati ad aprire un conto BancoPosta Più e non si è intestatari di altri conti correnti è necessario recarsi presso uno sportello dell’ufficio postale.

Gli unici due documenti che dovrete portare con voi sono un documento di riconoscimento valido ed il vostro codice fiscale.

Se, invece, siete già titolari di un conto alla posta o presso un’altra qualsiasi banca e volete passare a BancoPosta Più, potete seguire direttamente l’iter on line, senza la necessità di spostarvi da casa.

È necessario, infatti, registrarsi al sito di Poste Italiane, scaricare il contratto direttamente on line, compilarlo in tutte le sue parti e spedire il contratto debitamente firmato all’indirizzo di BancoPosta specificato nel sito.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net