Delega raccomandata Poste Italiane: cos’è e come si fa

Le strutture pubbliche, siano esse uffici della Pubblica Amministrazione o sportelli di una banca privata o di una multinazionale, si stanno sempre di più adattando alle esigenze dei propri clienti.

Con i ritmi lavorativi sempre più frenetici, con le mille e più attività da seguire diventa sempre più difficile per i lavoratori, soprattutto per i dipendenti, potersi recare davanti ad uno sportello per una qualsiasi pratica, soprattutto se, poi, per arrivare a quel determinato sportello è necessario fare ore di fila e, di conseguenza, richiedere mezze giornate (se non giornate intere) di permesso che volano via e, purtroppo, non tornano più.

Oggi proveremo a dare una mano a tutte quelle persone che recentemente hanno ricevuto a casa un avviso di giacenza di una raccomandata postale e non sanno come poterla andare a ritirare, senza dover richiedere ore di permesso al lavoro ed armarsi di pazienza per tutto il tempo necessario per questa operazione.

La modernizzazione dei servizi per il cittadino

Come accennavamo poco fa, molto è stato fatto negli ultimi anni per poter venire incontro alle esigenze di quei cittadini che lavorano e che non possono permettersi di recarsi sempre presso una struttura pubblica o agli sportelli della propria banca.

Adeguamento degli orari di lavoro

Prima di tutto, infatti, molti enti hanno deciso di modificare i propri orari, proprio per permettere ai cittadini di recarsi nelle loro strutture dopo l’orario lavorativo. Di sicuro, uno dei casi più conosciuti è quello di Poste Italiane, che mantiene le sue filiali più grandi ed importanti aperte fino alle 19:30 dal lunedì al venerdì. Stesso dicasi, che quasi tutte le banche più grandi ed altisonanti, come Intesa San Paolo, che ha introdotto il doppio turno lavorativo dal lunedì al venerdì fino alle 19, e che esteso il ricevimento dei suoi clienti anche al sabato mattina.

Digitalizzazione dei servizi

Un altro passo da gigante, iniziato da qualche anno e che coinvolgerà le strutture pubbliche e private, per ancora molti anni a venire riguarda la cosiddetta digitalizzazione dei servizi, ovvero la possibilità di effettuare delle operazioni che prima venivano richieste unicamente recandosi di persona nell’ufficio preposto, direttamente e comodamente da casa con il proprio pc.

Ne sono un esempio il notissimo home banking, che consente di gestire il proprio conto in maniera autonoma e di effettuare, ad esempio, bonifici bancari o bonifici postali direttamente con il proprio pc, smartphone o tablet.

Ma non solo. Perché oggi molti enti pubblici, come l’Inps o l’Agenzia delle Entrate permettono di verificare, ad esempio, la propria situazione lavorativa mediante l’accesso con PIN online o con le cosiddette credenziali virtuali SPID, di cui vi parlavamo qualche giorno fa.

Questi semplici ma importanti cambiamenti, sia nell’orario di apertura e chiusura degli uffici che nella possibilità di inoltrare determinate richieste direttamente online, hanno fatto sì che si venisse incontro alle esigenze dei lavoratori, anche se c’è ancora molto da fare in tal senso.

Uno degli spinosi problemi che andiamo ad affrontare oggi, infatti, è quello del ritiro di una raccomandata in giacenza, perché in questi casi non è possibile recarsi direttamente ad un ufficio postale (magari dopo l’orario di lavoro) ma è uno di quei casi in cui si ripiomba indietro nel tempo, a quando cioè era indispensabile dover richiedere un permesso lavorativo per assolvere a questioni prettamente burocratiche.

Iter di una raccomandata da ricevere

Cominciamo, allora, a vedere quale sia l’iter che segue una raccomandata al momento della sua consegna. Come ben sapete, la raccomandata è un documento che ha valore legale, per cui, al momento della sua consegna, è necessario che il destinatario o un suo familiare apportino una firma sulla ricevuta che il postino vi presenterà.

Consegna della raccomandata

Se, al momento della consegna, in casa è presente il destinatario della raccomandata o un suo familiare, il documento verrà consegnato ad uno di essi senza alcun problema, a patto che si firmi prima di tutto la ricevuta.

Mancata consegna ed avviso di giacenza

Il problema si pone quando il postino prova a consegnare la raccomandata quando in casa non c’è nessuno.

In questo caso il postino lascia, nella cassetta delle lettere, una ricevuta, in cui si attesta che è passato e che non ha trovato nessuno a cui poter consegnare il documento. Questa ricevuta prende il nome di avviso di giacenza della raccomandata, ed è il documento tramite il quale è possibile risalire alle informazioni della raccomandata non ancora recapitata.

Nuova consegna concordata della raccomandata

In alcune città è possibile usufruire di un “servizio a domicilio” che permette di ricevere, con un piccolo contributo, la raccomandata direttamente a casa propria ad un giorno ed un orario prestabilito con l’ufficio postale. È possibile infatti prenotare un appuntamento direttamente al numero verde di Poste Italiane 803 160 e concordare la visita a domicilio:

  • Dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 20:00,
  • Il sabato mattina dalle 8:00 alle 14:00.

Ritiro raccomandata in giacenza

Se nessuna delle opzioni precedenti rientra nel vostro caso, allora molto probabilmente vi toccherà recarvi presso l’ufficio giacenza designato nella ricevuta di mancata consegna della raccomandata.

Purtroppo, come dicevamo, nella maggior parte dei casi, si tratta di uffici dislocati al centro della città (con tutti i disagi che ne conseguono) magari proprio nel palazzo delle Poste Centrali, e con orari limitati e limitanti per chi lavora.

Non resta che richiedere ad un vostro caro familiare o parente di fare questo sforzo per voi e di recarsi all’ufficio giacenza con la ricevuta della raccomandata e con una delega da voi opportunamente compilata.

Come compilare la delega per ritiro raccomandata

Vediamo, adesso, passo per passo, come è possibile preparare una delega per il ritiro della vostra raccomandata in giacenza.

Prima di tutto occorre precisare che non esiste alcun modulo di Poste Italiane cui sia necessario far riferimento. È possibile, infatti, realizzare una classica delega in carta semplice, purché, al suo interno, siano presenti tutti i seguenti dati:

  1. Tutte le generalità del delegante, ovvero del destinatario della raccomandata che non è potuto andare a prenderla in giacenza: nome, cognome, luogo e data di nascita, indirizzo di residenza, codice fiscale, riferimento ad un documento di identità valido (carta di identità o passaporto).
  2. La fotocopia fronte- retro del documento di riconoscimento valido del delegante, già nominato nelle sue generalità (carta di identità o passaporto).
  3. I dati anagrafici del delegato, ovvero della persona incaricata di ritirare la raccomandata. Ricordiamo, inoltre, che, al fine del suo riconoscimento, il delegato è tenuto a portare con sé un suo documento di riconoscimento personale, che può essere, anche in questo caso, la carta di identità o il passaporto.
  4. L’ultimo dato importante da indicare sulla delega è il riferimento della raccomandata stessa, ovvero il codice e la data. In particolar modo il codice della raccomandata risulta importantissimo perché identifica in modo univoco il documento, e perché, inoltre, fornisce delle informazioni importanti sul tipo di raccomandata ricevuta.
  5. Completate la delega con la data corrente e con la firma del richiedente o delegante.

Note importanti

Concludiamo questo nostro articolo sulla consegna ed eventuale delega per il ritiro di una raccomandata, con due note estremamente importanti.

  • Non tutte le raccomandate possono essere consegnate per mezzo di delega. Esiste, infatti, una tipologia di raccomandata che deve necessariamente consegnata nelle mani proprie del destinatario. Generalmente si tratta di una raccomandata che contiene documenti importanti, come atti giudiziari o atti tributari e, per la quale non è prevista la possibilità di delega. In questo caso sarà il destinatario l’unico a potersi recare nell’ufficio in cui è in giacenza questo tipo di raccomandata.
  • Erroneamente da quanto si legge nella maggior parte degli articoli sul web, sono state abolite le spese di giacenza delle raccomandate. Il che vuol dire che il destinatario o il delegato al ritiro della comunicazione non sono tenuti a pagare nulla per il ritiro dalla giacenza. Rimane però immutato il limite di 30 giorni per il ritiro di una raccomandata e di 90 giorni per degli atti giudiziari. Superati questi due limiti temporali i documenti verranno rispediti ai rispettivi mittenti.
Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net