Dubai Lifestyle App: truffa o metodo per diventare ricco?

Sul web abbondano le pubblicità di metodi che ci farebbero diventare ricchi velocemente e facilmente. Sui banner vengono messe facce sorridenti, di persone ben vestite, con parvenza di affidabilità, serenità e serietà. Oppure banner con gente sdraiata su una spiaggia esotica che se la spassa tutta la giornata. Il sogno di tutti. Peccato però che la realtà sia un’altra, poiché, salvo vincite milionarie fortunose, per fare la cosiddetta “bella vita” e campare di rendita, serve lavorare, ingegnarsi, avere un’idea innovativa, e, soprattutto muovere nella legalità.

Ma c’è sempre chi ci prova, sfruttando anche il moderno trading online. Che consente a chiunque di cimentarsi da provetto broker. Uno degli ultimi casi è la Dubai Lifestyle App.

Il nome è già tutto un programma e fa pensare immediatamente alla vita dei miliardari petroliferi nel Paese arabo, tra grattacieli sfavillanti, ville di lusso e serate mondane. Un immaginario comune alimentato dal fatto che da quel Paese da tempo stanno arrivando ingenti investimenti anche nello sport più popolare in Europa: il calcio. Ma il trading online non è un gioco. Si investono soldi veri e servono conoscenze specifiche da broker. Altrimenti si rischia grosso. Anche i broker più esperti possono sbagliare, figuriamoci i principianti con metodi bizzarri. Allora vediamo di seguito cos’è Dubai Lifestyle App, se davvero conviene utilizzarla o è una truffa.

Cos’è Dubai Lifestyle App

Vediamo innanzitutto cos’è Dubai Lifestyle App? A detta dei suoi creatori si tratta di un software capace di fare trading in modo completamente automatico e di generare così dei guadagni molto elevati per quanti lo utilizzano. Così l’utente non deve far altro che depositare il proprio denaro sulla piattaforma e lasciare che essa lavori per noi facendo trading.

Ma Dubai Lifestyle App funziona davvero? A quanto pare, stando alle molte recensioni su Forum e Social network, pare proprio di no. Pertanto, a diventare come gli sceicchi del Dubai non sono gli utenti che ci mettono i propri risparmi, ma i suoi gestori.

Il trading online finanziario è sicuramente un ottimo metodo per guadagnare soldi, ma servono conoscenza e pazienza. Non ci si arricchisce col trading online affidandosi a robot e sistemi automatici. Questi, quando sono stati provati, si sono rivelati avere un ampio margine di errore. Proprio perché le azioni non sono prevedibili al cento per cento, non si basano su eventi certi né calcoli matematici. Basta un evento imprevisto, anche politico, climatico e di cronaca, e tutto cambia.

Occorre quindi affidarsi a broker che abbiano la licenza da parte dell’organismo di vigilanza italiano CONSOB e magari pure della massima autorità in materia CYSEC. Dubai Lifestyle App, peraltro, non è affatto autorizzata e quindi secondo la normativa non potrebbe in nessun caso fornire servizi correlati agli investimenti finanziari.

Esistono tante piattaforme registrate regolarmente e affidabili, le quali offrono una pluralità di servizi per mettere il risparmiatore a proprio agio e riducendo il più possibile i suoi rischi da fattori oggettivi (a differenza di quelli soggettivi, che ovviamente dipendono dalle sue scelte).

Pensiamo a eToro, 24Option, Markets.com. Giusto per citarne qualcuno.

Come funziona Dubai Lifestyle App

Per capire che Dubai Lifestyle App sia in effetti una truffa, basta leggere le sue tante recensioni negative. Spesso, più che recensioni, sono secche lamentele di persone che hanno perso i propri soldi in pochi giorni. C’è chi ci ha messo solo poche decine di euro, ma anche chi ce ne ha persi migliaia.

Furbescamente, da quanto si evince dalle recensioni, Dubai Lifestyle App funziona molto bene in modalità demo. Vale a dire il conto virtuale che viene dato inizialmente agli utenti per provare la piattaforma senza rischiare i propri soldi. Pertanto, dà l’impressione iniziale che con essa ci si possa arricchire. Ma poi, una volta utilizzato veramente, non fa guadagnare nulla. Anzi, non fa recuperare neanche il denaro investito all’inizio.

Dubai Lifestyle App è una truffa?

Altro fattore ingannevole di Dubai Lifestyle App è il fatto che utilizzi il noto attore americano Ashton Kutcher per farsi pubblicità. In realtà, il nome è stato modificato in Kuthcer. Una piccola differenza che può facilmente sfuggire, soprattutto a chi non lo conosce o non è un suo fan accanito. Quindi, quasi sicuramente, l’attore hollywoodiano non ha dato di certo la sua autorizzazione affinché si usi la sua persona per lo spot. La pubblicità lo mostra in una foto, ma del tutto decontestualizzata. E poi un’altra più piccola che lo vede affaccendato con camicia hawuaiana e cappello.

Probabilmente alle prese con il trading. Poi una scritta sulla pancia del banner, che dice “28 milionari in 6 mesi: l’app di Ashton Kutcher funziona”. In alto, ad annunciare il banner, si legge: “Ashton Kutcher vuole far guadagnare tutti con la sua nuova Start-Up”. E altre frasi ad effetto. Cliccando in maniera temeraria sul banner, si approda su una pagina che all’apparenza sembrerebbe essere quella della famosissima rivista “Forbes”, la quale si occupa soprattutto di tematiche legate al Mondo dell’economia. In realtà però, l’url è solo simile a quello di Forbes. ma che in realtà se si controlla bene l’URL della pagina, non lo è assolutamente. In realtà, sul sito ufficiale della rivista, si parla dei veri investimenti dell’attore insieme al suo amico Guy Oseary.

Ci sono poi altri elementi che ci fanno capire quanto Dubai Lifestyle App sia una truffa. A scrivere il falso articolo sull’altrettanto falso sito di Forbes è una certa Giovanna Pellegrino, una giornalista che in realtà nella redazione della rivista economica non esiste. Sempre nel falso sito di Forbes, viene raccontata la storia di un senzatetto che si chiama Isaac Walker. Toh, guarda caso. Un senzatetto, con la classica barba non curata, il cappello di lana e vestito in maniera trasandata.

Uno che non aveva niente e ora, stando all’articolo, avrebbe guadagnato persino 2,3 milioni di dollari. Il tutto, partendo da una storia strappalacrime: Walker avrebbe ricevuto un computer portatile da una associazione di beneficenza. E così si sarebbe poi avvicinato per caso al trading e alla Dubai Lifestyle App. Roba da cinema hollywoodiano, da film del grande Frank Capra. Per restare in tema di grande schermo. Poi si legge ancora di Ashton Kutcher, che parla di Dubai Lifestyle App creata da un certo Giuseppe Pavoletti; e di tutti gli strumenti forniti dalla piattaforma: i beta tester, i premi, gli obiettivi aziendali, ecc.

Tuttavia, a fine pagina c’è un disclaimer scritto proprio dal mitico Giuseppe Pavoletti, la quale dice che il sito è stato creato appositamente per le pubblicazioni promozionali basate su una tecnica di story telling. Cosa sono? Trattasi di storie inventate a puntino con lo scopo di illustrare uno o più’ concetti. Un po’ come le storielle che a scuola gli insegnanti raccontano ai bambini piccoli per spiegargli fatti e fenomeni della vita reale. Una semplificazione della realtà per renderla accessibile ai più piccoli. Ma qui stiamo parlando di soldi e di truffa. Morale della favola: Ashton Kutcher non ha mai usato e sponsorizzato Dubai Lifestyle App, in quanto lui investe in vere aziende come AirBnB e Uber. E non esiste alcun clochar Isaac Walker che partendo da un portatile regalato è diventato ora milionario.

Dubai Lifestyle App e Ashton Kutcher

Perché Dubai Lifestyle app utilizza l’immagine di Ashton Kutcher? In quanto, oltre ad essere un famoso belloccio attore di molte famose commedie americane, ha realmente finanziato diverse startup. Costruendoci un portafoglio di investimenti di oltre 250 milioni di dollari.

Tra le varie partecipazioni di Ashton Kutcher, senza dubbio le più famose sono in Airbnb e Uber. Piattaforme molto utilizzate soprattutto dai giovani, la prima per trovare alloggi per vacanze o trasferte di lavoro; la seconda per organizzare i propri spostamenti in città. Quindi, qualcuno che si prende la briga di cercare il lato imprenditoriale di Ashton Kutcher su Google, troverà realmente qualche notizia in merito.

E quindi potrebbe facilmente cascarci. Ma in realtà l’attore non si è mai sognato di investire in Dubai Lifestyle App che sicuramente neanche conosce. Bisognerebbe quindi avvisarlo, ma forse lo sa già.

Dubai Lifestyle App, chi è Giuseppe Pavoletti

E ora veniamo al famigerato inventore di Dubai Lifestyle App: un certo Giuseppe Pavoletti. Da non confondere con Leonardo Pavoletti, attaccante del Genoa. Giuseppe Pavoletti appare come una sorta di Mago di Oz. Che poi, una volta scoperto, si scopre essere un prestigiatore. Un omino tutt’altro che tenebroso rispetto a come voleva apparire.

Sulla Home page della piattaforma c’è la sua foto in un cerchio, con sotto una scritta promettente “7000 $ in un giorno”. Strano però che nella versione inglese del sito, Giuseppe Pavoletti, l’amministratore delegato e fondatore di Dubai Lifestyle App, diventi poi Scott Hathaway. Del resto, però, essendo lui un mago della finanza, riesce anche a trasformare il suo nome a seconda della lingua. Infatti, questa piattaforma ha diverse versioni in varie lingue e ogni volta Pavoletti cambia magicamente nome. Pensate quindi a quante persone a livello europeo e forse mondiale siano state truffate.

In Italia poi il rischio aumenta in quanto nel Dna degli italiani prevale sempre il sogno del guadagno facile col minimo sforzo, da sommare alla ancora sopita analfabetizzazione digitale. Con questo termine non ci riferisce tanto allo scarso utilizzo degli strumenti tecnologici da parte degli italiani. Quanto al loro cattivo utilizzo. Si passano ore sui social e magari ad abboccare a siffatte truffe.

Non solo Dubai Lifestyle App: il caso Bitcoin code

Purtroppo però, non c’è solo Dubai Lifestyle App a fungere da pianta di denari come quella raccontata da Il gatto e la volpe a Pinocchio, per sottrargli le monete. Ci sono anche “sistemoni” (come venivano chiamati quelli che promettevano di far fare il tredici al Totocalcio) che promettono facili guadagni con la moneta virtuale più importante: il Bitcoin. Si pensi a 1k daily profit, Quantum Code, ma soprattutto Bitcoin code. Tutte piattaforme che promettono facili guadagni e vivere alla Gianluca Vacchi o Flavio Briatore. Personaggi forse pittoreschi, ma che hanno senso imprenditoriale e aziende vere alle spalle da portare avanti.

Sul sito Bitcoin Code si spiega che esso funziona come una sorta di robot automatico, che lavora per noi al fine di farci guadagnare sui bitcoin mediante famigerati algoritmi. Ma a parte il fatto che il mondo della borsa, come già detto in precedenza, è estremamente suscettibile e non esistono calcoli né certezze, figuriamoci quello dei bitcoin. Che in questi anni, ultima volta proprio a giugno, hanno mostrato estrema volatilità. Anche per Bitcoin code pullulano le recensioni negative di persone truffate, molte delle quali hanno pure esposto denuncia alle forze dell’ordine. Le quali controbilanciano nettamente le finte recensioni di persone che invece si sono arricchite in poco tempo. Anche qui poi c’è lo stesso trucco del fondatore. In Italia è un certo Stefano Savarese, che però cambia sempre nome a seconda della lingua. E così in Inglese diventa Steve McKay (perché non Steve Mcqueen?!); in spagnolo Sergio Marlón (non sarebbe stato meglio Marlon Brando?!); in tedesco diventa Sven Hegel (povero filosofo! Proprio lui, anti-capitalista). Mentre in scandinavo diventa in svedese Stefan Holmquist e in norvegese Steffen Madsen. Evidentemente, Savarese avrà frequentato la stessa scuola per provetti prestigiatori di Pavoletti.

Se invece volete qualche sito AFFIDABILE per fare trading col Bitcoin e le criptovalute vi segnaliamo un elenco di siti seri:

Broker affidabili Bitcoin

Concludiamo questo articolo con un elenco delle migliori piattaforme di trading demo:

BrokerCaratteristicheDepositoIscriviti
Plus500broker CFD, tanti asset50€Fai Trading
Marketsguide pdf e corsiFai Trading
etorosocial tradingFai Trading
24option250$rendimenti 85%Fai Trading

Dubai Lifestyle App, cosa fare se truffati

Se purtroppo già siete incappati in questo sito e nelle sue false promesse, molto probabilmente avete già perso i vostri soldi. Meglio comunque denunciare, anche qualora le speranze di riavere i vostri soldi siano prossime allo zero. Se volete trascorrere una vita tra i nababbi di Dubai fate affidamento al vostro genio, alla vostra creatività. Inventate qualcosa che lì possa davvero sfondare e farvi guadagnare soldi. Tanti sono gli esempi di italiani che “hanno svoltato” a Dubai, ma facendo affidamento alle proprie forze e capacità professionali.

Non ad un sito come Dubai Lifestyle App che promette di farvi guadagnare con un robot che lavora per voi. Fareste la fine di Pinocchio che aspetta che la pianta dei denari millantata dal Gatto e la volpe cresca. Potreste trasformarvi anche voi in un asino. E la fatina turchina pronta a salvarvi non sempre si trova nella vita reale.

Salva

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net