Trading CFD: cos’è e come funziona

Il trading CFD rappresenta una delle grandi opportunità di guadagno per chi si occupa di trading online. Il termine CFD è l’acronimo di Contract For Difference e rappresenta un contratto per differenza (in italiano) che si instaura tra un broker e un investitore.

I contratti per differenza sono uno degli strumenti finanziari più utilizzati dalle piattaforme di trading e rappresentano un tipo particolare di contratti derivati. Un CFD è in buona sostanza un derivato finanziario che permette ad ogni trader di negoziare sul prezzo di vari asset di mercato come gli indici di borsa, le valute, le materie prime, ETF e bitcoin senza acquistare fisicamente il bene negoziato.

In questa sezione cercheremo di trattare alcuni aspetti della negoziazione CFD, in particolare :

Cosa sono i CFD e come funzionano

Cos'è un CFD ?

Cos’è un CFD ?

I Contract For Difference (CFD)  sono degli strumenti derivati che replicano esattamente il prezzo di un asset di mercato. L’asset può essere costituito da varie tipologie di strumenti come coppie forex, titoli del mercato azionario, indici, materie prime. A differenza del trading tradizionale i beni non vengono acquistati “fisicamente” ma si effettua una contrattazione (trading) sul prezzo.

L’acquirente (trader) si impegna ad acquistare pagando la differenza al venditore (broker) se al momento della stipula il valore del bene supera il valore attuale. In questi casi c’è la differenza di prezzo su cui si gioca tutto, ed è espressa dalla differenza tra il valore attuale o prezzo attuale e il prezzo al momento del contratto. Quando questa differenza è negativa il trader perde altrimenti guadagna. Ci sono ulteriori elementi da considerare:

  • il prezzo del bene su cui fare trading nel momento di acquisto
  • la scadenza del contratto
  • il prezzo del bene su cui fare trading al momento della vendita

Il trader, in questo modo, ha il vantaggio di poter fare trading online acquistando tanti CFD e sfruttando sia i movimenti dei prezzi in crescita (posizioni long) sia i movimenti verso il basso (posizioni short). Per questo motivo molte transazioni di questo tipo sono utilizzate a fini speculativi. E’ la variazione o movimento che determina se l’investitore riesce a fare dei profitti. Alla scadenza di ogni singolo contratto derivato ognuna delle due parti realizzerà un rendimento o una perdita.

Broker CFD: scegliere il migliore

Uno dei migliori broker italiani per negoziare CFD è sicuramente Plus500, una delle piattaforme più sicure e affidabili per quanto riguarda questo settore. Capire come scegliere un buon broker non è facile, tuttavia ci sono dei parametri di qualità che possono essere valutati per fare una scelta adeguata. Ad esempio Plus500 permette di fare trading via CFD su tantissimi asset come le valute , le commodities e anche gli indici di borsa ed i titoli azionari. E’ davvero eccellente sotto tanti punti di vista anche perchè ha l’assistenza tecnica in lingua italiana e degli spread che lo rendono davvero competitivo.

Per accedere a tutte le promozioni di Plus500 fate click qui.

Guida CFD

Il trading attraverso i CFD comporta dei vantaggi rispetto al trading tradizionale. Prendiamo come riferimento il mercato azionario, e supponiamo di voler negoziare sul titolo di una società quotata in Borsa come ad esempio Apple Inc. Ci sono due possibilità. La prima prevede la possibilità di acquistare in Borsa azioni della società Apple Inc e diventare dunque degli azionisti a tutti gli effetti. Con questa modalità si condividono gli utili della società ed è possibile partecipare alle assemblee.  La seconda, invece, consiste nel fare trading sul prezzo del titolo sfruttando i contratti derivati CFD offerti da una piattaforma di trading.

Se avete provato in passato ad acquistare azioni tramite una banca o un home banking avrete visto le enormi difficoltà che ci sono a livello burocratico. Partendo invece da una guida CFD e dopo un po’ di esperienza potete fare trading online su moltissimi titoli azionari diversificando il vostro investimento. Chi sceglie la prima via, ovvero quella del mercato tradizionale, deve considerare che il titolo azionario può perdere di valore e dunque portare a perdite. Tramite i contratti per differenza, invece, un trader può investire al rialzo o al ribasso guadagnando anche nelle situazioni negative del mercato.

C’è poi il concetto della leva CFD o leva finanziaria da considerare. Le operazioni in leva permettono di fare delle transazioni per un capitale molto più alto di quello di cui si dispone, ma espone anche a rischi di perdita di capitali non nulli. Supponiamo di acquistare le azioni di Alibaba ad un prezzo iniziale di 20 euro e di voler comprare 100 CFD. Dovreste avere a disposizione ben 2.000 €. Utilizzando la leva finanziaria, invece, supponendo di operare in marginazione al 5% paghereste solo 100€. E’ una bella differenza, non trovate?

Fare trading in Italia con i CFD

Per fare trading di CFD online è sufficiente aprire un conto di trading presso uno dei tanti broker che ci sono in Italia. Vi segnaliamo Plus500 se volete un sito affidabile e di qualità oppure Xtrade che rappresenta una ottima alternativa con ottime guide.

Sono entrambi broker CFD con cui potete lavorare seriamente. Tornando al discorso dei margini e della leva finanziaria, c’è da considerare che questi intermediari spesso avvisano il trader in caso di perdite sfruttando il meccanismo delle margin call. E’ poi l’investitore che decide se coprire il capitale in caso di perdita lasciando aperta la posizione o incassare la sconfitta.

Ci sono però dei vantaggi indiscutibili:

  • Grazie alla leva finanziaria è possibile negoziare anche con piccoli capitali sfruttando i requisiti di margine che sono molto bassi e dunque fare più profitti
  • E’ possibile negoziare su una varietà di asset finanziari molto ampi
  • Usare i CFD è molto più semplice oltre che meno oneroso rispetto al mercato azionario tradizionale

Concludendo possiamo dire che il trading CFD conviene sopratutto per quanto riguarda i costi. Ovviamente ci sono i rischi di perdita che devono essere limitati. L’importante, però, è sempre affidarsi a broker che sono autorizzati dalla Consob in modo da essere sempre garantiti e tutelati.

Salva

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net